ViralPop.it

Dal mondo

Apre a Barcellona il primo bordello con le bambole gonfiabili

L'azienda afferma che è il primo servizio del genere in Europa. Offrono quattro tipi di bambole di diverse etnie.

Apre a Barcellona il primo bordello con le bambole gonfiabili

E’ aperto a Barcellona il primo bordello d’Europra in cui è possibile avere rapporti senza limiti con quattro bambole gonfiabili. Situato vicino alla Rambla de Catalunya, LumiDolls promette esperienze uniche e nolimits con bambole realistiche fatte di silicone.

Il bordello vuole offrire “esperienze piacevoli ed emozionanti” ai suoi clienti attraverso le quattro bambole Katy, Leiza, Lily e Aki. Katy è la prima delle bambole presentate sul sito web dell’azienda, ha lineamenti caucasici, alta un metro e settanta e uno sguardo penetrante.

Poi c’è Leiza, bambola disegnata con origini africane, un metro e sessantotto di altezza. Chiudono il team Lilly e Aki, la prima è alta un metro e sessantuno e caratteristiche asiatiche, la seconda invece è un personaggio di anime giapponesi e alta un metro e sessantacinque.

Galleria

Katy

I gestori spiegano che le loro bambole sono assolutamente realistiche, sia nel movimento delle articolazioni che per quanto riguarda la sensazione al tatto, dispongono di tutte le cavità che potete bene immaginare. Per crederci, basta pensare che ognuna di queste bambole può costare fino a 6.000 euro.

In aggiunta, ogni cliente può scegliere il tipo di vestiti che la bambola deve indossare e la stanza in cui vivere le proprie fantasie.

Ma quanto costa un’ora in compagnia delle LumiDolls? Sul sito è possibile trovare tutte le tariffe. Si parte dall’offerta lancio di 80 euro l’ora anziché 120, prezzo che aumenta fino a 150 euro se si desidera una mezz’ora di extra o 170 per due ore. Ogni stanza è dotata di tv con film che possono aiutare a stimolare la fantasia e per i più esigenti che desiderassero passare un’intera notte con una delle quattro bambole, l’azienda promette vantaggiose tariffe.

Nel mentre, tra le polemiche del caso, qualcuno chiede già la versione maschile di queste bambole.

buzzoole code